• L’immunoblot (o western blot) è una procedura che consente di determinare contemporaneamente la presenza, nel sangue analizzato, di anticorpi contro più antigeni del patogeno. Una rassegna di questi antigeni si trova qui. Gli antigeni sono disposti su un supporto, divisi in fasce trasversali (dette bande) contigue ma separate, mentre l’esecuzione del test non è dissimile da quella descritta per il test ELISA. In Figura 1 e in Figura 2 sono rappresentati i supporti (IgM e IgG, rispettivamente) per un western blot attualmente in commercio in Europa (Euroimmun).
IB IgM
Figura 1. Rappresentazione di un western blot europeo per IgM. Disegno di Paolo Maccallini.
IB IgG
Figura 2. Rappresentazione di un western blot europeo per IgG. Disegno di Paolo Maccallini.

Affinché un western blot (in IgM o in IgG) sia considerato positivo, non è necessario che tutte le bande lo siano, sono sufficienti solo alcune bande positive. Il numero e il tipo di bande positive affinché un western blot sia positivo è stato determinato con considerazioni statistiche in modo da garantire la massima specificità del test, determinando dei criteri validi per l’area europea. Tali criteri sono riportati in Tabella 1, dove sono posti a confronto con i criteri adottati negli Stati Uniti (CDC, 1995). Come si vede i criteri europei richiedono la positività a un minor numero di bande, essendo la risposta immunologica dei pazienti affetti da borrelia europea ristretta a un numero inferiore di proteine di superficie (Wilske B et al. 2007). In Tabella 2 e Tabella 3 sono riportate sensibilità e specificità per un western blot tedesco attualmente in uso, interpretato con criteri europei (Branda JA et al. 2013). Nella prima tabella le IgM e le IgG sono considerate separatamente, mentre nella seconda si considera un test positivo se positivo in almeno una delle due classi di anticorpi. Dalla Tabella 3 si può notare come, ad esempio, un western blot negativo sia un falso negativo nel 13% di casi neuroborreliosi, così come un test positivo sarà un falso positivo nel 9% di casi di neuroborreliosi o artrite di Lyme.

criteri IB
Tabella 1. Criteri per l’interpretazione del western blot in Europa e in USA. Tabella di Paolo Maccallini.
sensibilità specificità 1
Tabella 2. Sono riportati sensibilità e specificità per un western blot europeo. EM sta per eritema migrante, NB per neuroborreliosi, ACA per acrodermatite cronica atrofica. IgG e IgM sono considerate separatamente. Tabella di Paolo Maccallini.
sensibilità specificità 2
Tabella 3. Sono riportati sensibilità e specificità per un western blot europeo. EM sta per eritema migrante, NB per neuroborreliosi, ACA per acrodermatite cronica atrofica. IgG e IgM sono considerate insieme. Tabella di Paolo Maccallini.

27 pensieri su “Western blot per malattia di Lyme

  1. L’ho fatta stamattina su suggerimento del 4° infettivologo contattato in agosto 2018 (scusate la polemica), speriamo che si veda qualcosa e che tutto sia attendibile. E se non fosse chiaro posso rifarlo dopo un po’ di tempo oppure con del cibo o bevande errate rischio di creare dei falsi positivi o negativi?

    "Mi piace"

  2. Ciao Paolo/tutti,

    dopo che diversi test (IGG/IGM, LTT con 3 o 4 specie positive, Western Blot ) hanno riscontrato positivita’ alla borrellia IGM ma non alle IGG) ho iniziato diversi trattamenti a trittici, ceftriaxone, azitromicina, metrodinazolo, cetix, amoxicillina, fluconazolo, ciproxin..(li ho messi in ordine sparso).

    Settimana scorsa ho fatto un test nuovo, Western Blot EUROLINE IGG risultato negativo.
    L’unica banda positiva e’ Flagellin P41 (val. 21) e Controllo coniugato IGG (val 71).
    I valori di riferimento sono 0-11 (negativo), 12-18 (border line), 19 -256 positivo.

    Da quello che sembra sono positive le IGG (ho sconfitto la Borrellia? ..non so, ma ho tutti i sintomi di prima). Il controllo coniugato IGM risulta essere addirittura -1 (non arriva neanche a 0 ).

    Non so davvero come interpretare questi risultati. So, che dopo l’ultimo ciclo di Ceftriaxone 4g/die intravena e flagil 10 giorni (non sono stati una passeggiata) non ho piu’ riscontrato spasmi, giramenti di testa e stanchezza per circa 20-25 giorni. Ho avuto una vita quasi normale. Da circa 10 giorni, ed e’ cio’ che mi ha spinto a fare un altro WB, riaccuso tutti i sintomi, tra i quali, stanchezza estrema, scatti degli arti, spasmi muscolari e fascicolazioni. 3 RM all’encefalo e colonna risultate negative, completamente negative cosi’ come la conduttivita’ elettrica negli arti e’ ottima (non ho fatto la puntura spinale per vedere il liquor, perche’ a detta dei medici non ce n’era bisogno).

    Come e’ possibile che questo ultimo WB risulta negativo e i miei sintomi sono tornati? E’ vero, il test utilizzato e’ diverso da quelli fatti ultimamente ma e’ sempre un WB e questo risultato dell IGG positivo mi sorprende molto, anche e soprattutto in concomitanza con il ritorno dei sintomi.

    Non so proprio cosa pensare e cosa fare, PTLDS? Queste ricadute c’erano state anche tra gli intervalli dei trittici antibiotici che ho preso nel tempo, ma erano cmq avvalorate dai test risultanti positivi per le IGM o LTT, infatti ho pensato di non aver debellato la malattia (qualsiasi essa sia).

    Non so come interpretare la mia situazione attuale. Perche’ si e’ positivizzata solo la P41? So di avere anche una malattia autoimmune, ma non so quale. I miei Ana 1 risultato leggermente positivi, ANA 2 positivi.

    Sono tentato di iniziare il Ceftazidime 1g / 2 volte al giorno insieme all’azitromicina e Micocin.

    Tentato, ma vorrei se posisbile avere un’interpretazione dei miei risultati.

    So che non sei un medico Paolo, ma siamo sulla stessa barca, che ne pensi?

    Ciao,
    Paolo

    Piace a 1 persona

  3. Ciao Paolo, ti ringrazio per questa domanda. L’unico risultato che devi tenere in considerazione è il western blot. Il controllo coniugato positivo vuol dire semplicemente che il test è stato eseguito bene e dunque è attendibile. La positività alla banda p41 si riscontra in tutti gli esseri umani, poiché quell’antigene è espresso dai batteri in senso lato e tutti siamo entrati in contatto con batteri nella nostra vita. Poiché le IgG sono negative, si deve concludere che probabilmente non hai mai contratto la malattia di Lyme. Infatti il western blot resta positivo anche dopo decenni dal primo contatto.

    Ovviamente questa affermazione non può essere considerata vera in assoluto, esiste un remota possibilità che tu abbia contratto la Lyme in passato, ma la probabilità è bassa, sulla base di questi dati.

    Grazie ancora e in bocca al lupo.

    Paolo

    PS. Il test LTT è inutilizzabile al momento, e questo è bene noto a chi si occupa di questi argomenti.

    "Mi piace"

    1. Buongiorno, approfitto di questa risposta per chiedere un chiarimento.
      Ho effettuato il test mediante Western-blot e i risultatai sono:
      BORRELIA BURGOFERI IgG NEGATIVO
      BORRELIA BURGOFERI IgM DUBBIO (Reattività anticorpale alla sola banda antigenica p41).
      Come mi devo comportare?
      Devo iniziare subito la terapia?
      Sono terrorizzata
      Grazie mille
      Maria

      Piace a 1 persona

      1. Ciao Maria, la reattività alla banda p41 non è specifica per B. burgdorferi. Il fatto che sia in IgM lascia pensare che ci sia una infezione batterica in corso, ma non è possibile sapere di che batterio si tratti da questo esame. Poiché la reattività riscontrata è solo per p41, si può con buona probabilità escludere che si tratti di Borrelia.

        Tieni tuttavia presente che la risposta anticorpale per Borrelia non si manifesta se non almeno due settimane dopo il contatto. Pertanto, se ritieni che il tempo tra il contatto (morso di ixodes) e il prelievo sia inferiore ai 15 giorni, dovresti ripetere l’esame.

        "Mi piace"

        1. Grazie mille, molto gentile.
          In realtà, non sono nemmeno certa di aver avuto un contatto e comunque se fosse parliamo di tre mesi fa e quindi direi che è passato molto tempo.
          A questo punto è oppurtuno che io faccia altri esami di carartere diverso giusto?
          Grazie davvero…mi sembra di vivere in un incubo.

          "Mi piace"

    2. Grazie per la tua risposta Paolo.

      Ho spesso pensato che non fosse Borrellia, pechè semplicemente non ho mai visto ne l’eritema, ne la zecca. So che qualcosa mi ha punto e qualche giorno dopo ho provato forti dolori al collo e spalle, mal di testa e forse febbre. Ti parlo del 2017. Descrissi il problema al medico e mi disse di fare test IGG e IGM.

      Li è iniziato tutto. Le IGM positive, IGG negative. Sembra quasi un gioco, ma purtroppo non lo è.
      A distanza di pochi giorni rifeci un altro test, questa volta Western Blot..sempre IGM positive, IGG negative. Iniziai gli antibiotici, dapprima solo doxiciclina per 45 gg, e rifeci il test: non cambio nulla.

      Da li ho iniziato un cura di antibiotici..Perchè i test dicevano che le IGM WB erano positive (quindi infezione in atto) e avevo spasmi e stanchezza infinita, vista doppia e fascicolazioni.
      Ero talmente stanco che pur prendendo 3 antibiotici al giorno stavo molto meglio che senza.

      Fecero effetto, sia sulla stanchezza che sugli spasmi. Purtroppo però tutti i sintomi si ripresentavano poco dopo terminato gli antibiotici. Dovetti smetterli..perche avevo degli effetti collaterali.

      nel 2018 altri antibiotici, altro trittico per 3 mesi ruotando gli antibiotici. A dicembre 2018 stavo male di nuovo. Presi gli ultimi due antibiotici: 1 mese di ceftriaxone 4 grammi per vena e metrodinazolo per una settimana. Ci abbinai anche olii essenziali (Origano, cisto) e Stevia in gocce che comprai in America.

      Ed eccomi qua, ad oggi, con tutti i miei spasmi, fascicolazioni, fatica, dolori articolari, movimenti involontari di dita dei piedi e delle mani, giramenti di testa.

      Ho gli Ana 1 positivi, Ana 2 leggermenete positivo. Sai se la Borrellia positivizza questi valori?

      15 giorni fa ho fatto i seguenti test: ELISA IGG, ELISA IGM, WB IGG, WB IGM (dopo 5 mesi dall’ultimo antibiotico, e con tutti i sintomi che avevo all’inizio).

      I risultati sono sconcertanti:
      1 test effettuato in un ospedale di Cracovia: ELISA IGG 0.0 (non mi hanno fatto le IGM ..<> . La dottoressa mi ha detto che non ho la mattilia di Lyme e di cercare la causa dei miei problemi in un’altra malattia.

      Sono uscito dall’ospedale tra lo sbalordito e l’incazzato e lo stesso giorno ho fatto nuovamente ELISA IGG, ELISA IGM, WB IGG, WB IGM in un laboratorio privato.

      Risultati: <16 negativi,

      Elisa IGG Anticorpi Borrelia 2,73 RU/m
      Elisa IGM Anticorpi Borrelia 8,64 RU/m
      Negativi entrambi!

      WB IGG:
      VIsE, P83, P39/BmpA, P31/OspA, P30, P25/OspC, P21, P19, P17
      Tutte le bande negative! (non reattive)

      WB IGM:
      VIsE, P83, P39/BmpA, P31/OspA, P30, P25/OspC, P21, P19, P17
      Tutte negative TRANNE P25,OspC che e' risultato LEGGERMENTE REATTIVO (Boarderline)

      Il test LTT, come da te suggerito, non l'ho rifatto.

      Ho alcune domande, spero mi vorrai rispondere 🙂 :

      1 – E' davvero come dice la dottoressa che non ho la malattia di Lyme?

      2- L'ho sconfitta pure avendo ancora tutti i sintomi?

      3- E' possibile che le IGG ritornino a 0 ( in soli 5 mesi) dopo che è stata sconfitta la Borrellia o rimangono positive? …sempre che io l'abbia sconfitta.

      4- Non ho mai visto un valore positivo delle IGG in circa 8 test, come è possibile?
      Da qui e dai sintomi sembra che non l'ho sconfitta

      Comincio a sospettare che le IGM erano un falso positivo e che non ho mai avuto la Malattia di Lyme?

      MI farebbe piacere sapere che ne pensi,

      Grazie mille,
      Paolo

      "Mi piace"

      1. Mi sono dimenticato che ho fatto il test della conta dei cd57-cd3
        I risultati sono sia in Millilitri che in percentuale.

        Leukocyty 5,14 ×10´3/µl 4,40 — 11,30
        % limfocytów 33,9 % 21,8 — 53,1

        Liczba limfocytów 1742 kom/µl 1400 — 3700
        % CD3+ (limfocyty T) 70,2 % 59,7 — 82,0

        CD3+ (limfocyty T) 1223 kom/µl 900 — 2600
        % CD3+CD8+ (limf. cytotoksyczne) 27,8 % 19,0 — 38,9

        CD3+CD8+ (limfocyty cytotoksyczne) 484 kom/µl 300 — 1200
        % CD57+CD8+ 1,8 %

        CD57+CD8+ 31 kom/µl
        % CD57+CD3- 3,4 %

        CD57+CD3- 59 kom/µl 60 — 360
        % CD57+ 5,2 %

        CD57+ 91 kom/µl
        % CD57+CD8+CD3- 0,8 %

        CD57+CD8+CD3- 14 kom/µl
        % CD8+/CD57+ 34,3 %

        L’unico valore leggermente sballato è proprio nel CD57+CD3- (Indovina un po’..ho 59 e il valore normale è 60 — 360)…Mi sembra una presa per ..vabbe. Anche se fosse stato 60 o 61 non penso cambiasse molto.

        I miei prossimi esami sono: ennesima elettromiografia, analisi del sangue in un reparto neurologico, potenziali evocati visivi, Risonanza alla colonna e puntura lombare.

        Che ne pensi dei risultati della conta dei linfociti?

        Secondo la tua opinione potrebbe non essere Lyme ma CFS o EM?
        Ho letto che la materia grigia di chi ha CFS/EM è minore in volume di un 10% rispetto a persone normali.
        Ti risulta? Si potrebbe vedere con una risonanza transcranica o con cosa?

        Oltre agli spasmi, dolori muscolari, giramenti e fascicolazioni, e stanchezza immensa (anche se in certi giorni meno)..mi tirano i muscoli delle gambe, vado spesso in bagno (come se non svuotassi bene la vescica) e ho sempre fame.

        Grazie e buona giornata!
        Paolo

        "Mi piace"

        1. Se le IgG del WB sono negative, è difficle che tu sia entato in contatto con Borrelia, secondo me. Ma non si può escludere. Le IgM ELISA possono essere positive per vari motivi (falso positivo). Il valore NK CD57 è normale, e anche se fosse basso, indica solo una disfunzione immunitaria generica. Per la CFS, vedi i sintomi e vedi se ti sembra descrivere il tuo caso. Gli spasmi non fanno parte della CFS. I dolori forse, ma non sono sintomi utili alla diagnosi.

          "Mi piace"

  4. Buongiorno! Io ho una domanda più di carattere linguistico, ma ho pensato di chiedere comunque a lei perché è un esperto. Sto traducendo delle presentazioni in .ppt sulla malattia di Lyme. In una delle slide si dice: “Western Blots were the first type of immunoblot developed for Lyme disease testing. Later, a striped type of immunoblot was approved by the FDA that does not require human interpretation of bands” (dal sito dei CDC: https://www.cdc.gov/lyme/diagnosistesting/labtest/twostep/westernblot/index.html). Mi chiedevo, quello “striped” si riferisce semplicemente alle strisce/bande ottenute come risultato, perché i primi western blot erano molto meno precisi e di più difficile lettura?

    La ringrazio se risponderà, ma non si preoccupi se non può aiutarmi!

    "Mi piace"

    1. Buongiorno Elisa!

      Credo si riferisca al fatto che nei western blot successivi c’è una separazione fra gli antigeni di peso molecolare diverso, cioè ci sono delle strisce che separano le varie bande, un po’ come nel disegno che ho fatto per questo articolo. Per cui la lettura del test è più semplice, meno ambigua.

      Ho provato a cercare dei riferimenti più precisi su questa miglioria tecnica, ma non ho trovato nulla di utile al momento.

      Grazie per la domanda e per l’interessamento a questa materia.

      "Mi piace"

  5. Salve avrei bisogno di un consulto riguardo esami appena fatti e non riesco a comprenderne l’esito:

    CD57+Sangue periferico Metodo CITOFLUCRIMETRICO 10,0
    (popolazione analizzata linfociti totali 40% NOTA: i linfociti T sono pari al 78% di cui l’8% esprime CD57 I natural killer sono pari al 14,5% di cui il 9,5% esprime CD57)

    TPHA quantitativo (metodo EMOAGGLUITINAZIONE IN PIASTRA) <1/80 (negativo 1/80)

    VDRL CARBON (metodoAGENT CARD TEST) <1/2 (negativo <1/2 positivo o uguale <1/2)

    BORELLIA IgG TEST DI CONFERMA (metodo BLOT) NEGATIVO
    BORELLIA IgM TEST DI CONFERMA (metodo BLOT) NEGATIVO

    Grazie distinti saluti

    "Mi piace"

  6. Salve avrei bisogno di un consulto riguardo esami appena fatti e non riesco a comprenderne l’esito:

    CD57+Sangue periferico Metodo CITOFLUCRIMETRICO 10,0
    (popolazione analizzata linfociti totali 40% NOTA: i linfociti T sono pari al 78% di cui l’8% esprime CD57 I natural killer sono pari al 14,5% di cui il 9,5% esprime CD57)

    TPHA quantitativo (metodo EMOAGGLUITINAZIONE IN PIASTRA) <1/80 (negativo 1/80)

    VDRL CARBON (metodoAGENT CARD TEST) <1/2 (negativo <1/2 positivo o uguale <1/2)

    BORELLIA IgG TEST DI CONFERMA (metodo BLOT) NEGATIVO
    BORELLIA IgM TEST DI CONFERMA (metodo BLOT) NEGATIVO

    Grazie distinti saluti

    "Mi piace"

  7. Salve Dott , grazie per la Sua risposta e disponibilità … nell’esito non è riportata l’unità di misura , le ho scritto per filo e per segno tutto quello che c’è ,infatti mi è sembrato strano che ci fosse scritto solo RISULTATI U.M. VALORI DI RIFERIMENTO senza riportare nessuna unità …. quindi Lei mi conferma la negatività in tutto ? Ho fatto tutti gli esami immunologici e per esclusione sembra che abbia la fibromialgia ma oltre la stanchezza e disturbi gastrointestinali ho un forte fastidio dolore e sensibilità agli occhi senza conoscerne la causa …. Lei ha suggerimenti da potermi dare ? Grazie ancora per la sua disponibilità .

    "Mi piace"

    1. Sono un paziente come lei, non sono un medico. Ho provato a rivedere i sui dati e la conclusione è questa, secondo me:

      CD45+CD57+ = 10% dei linfociti
      CD3+ CD57+ = 6,24 % dei linfociti
      CD3- CD57+ = 1,4% dei linfociti

      Mancano i riferimenti però, che cambiano a seconda del laboratorio. Considerando riferimenti da altri laboratori (vedi ad esempio figura 5 in [R]) si potrebbe dire che il valore relativo delle NK DC57+ tende ad essere basso. La riduzione di questa popolazione di linfociti si riscontra in malattie disimmuni, come le malattie autoimmuni classiche, la CFS e la post-Lyme.

      R: https://paolomaccallini.com/2016/11/09/la-conta-delle-nk-cd57-nelle-malattie-autoimmuni-e-nella-malattia-di-lyme/

      "Mi piace"

  8. Gli esami per le autoimmuni erano risultati tutti negativi e per questo mi avevano ipotizzato la fibromialgia , pur non avendo dolori –
    Questi sono una parte dei risultati di ultimi esami fatti a Trieste , che non riesco ad interpretare mentre il restante risulta tutto negativo :

    Anti Ricketsiae (reazione WEIL .FELIX )
    Anti Proteus OX 19 Tit. <1:80 (<1:80)
    Anti Proteus OX 2 Tit. 1:80 (<1:80)
    Anti Proteus OX K Tit. <1:80 (<1:80)

    Ac Anti Ehrlichia (anaplasma ph.) MET IFI
    Igg <1:64 (1:64 positivo)
    Igm <1:64 ( 1:64 positivo)

    mentre il restante risulta tutto negativo :

    Grazie ancora .

    "Mi piace"

    1. Buongiorno Luna,

      l’unico esame positivo tra quelli riportati è la misura della reattività del siero contro Proteus OX 2. Si tratta di un valore borderline, quindi debolmente positivo. In base alla letteratura scientifica, quel valore può indicare memoria immunitaria per una delle seguenti specie batteriche: Rickettsia rickettsii, Rickettsia africae, Rickettsia japonica. Se non ha fatto viaggi esotici, solo la prima è da prendere in considerazione. Per confermare il risultato sarebbe il caso di fare un esame sierologico specifico per suddetta specie. Tenga presente però che può anche trattarsi di un falso positivo, visto anche il titolo di diluizione borderline.

      La diagnosi di fibromialgia, in assenza di mialgia, per quanto mi riguarda non ha senso: è come diagnosticare il diabete con una risposta insulinica e una glicemia normali. La fibromialgia è la malattia del dolore cronico, il dolore è il suo sintomo patognomonico.

      Per approfondimenti da fare, io non posso dirle molto. Immagino dipenda dai sintomi. Tuttavia, se il problema è la fatica fisica e mentale, può esserle forse utile consultare il seguente elenco da me compilato:

      https://paolomaccallini.com/esami-in-italia-per-me-cfs-lyme-e-pots/

      Segnalo anche che una esposizione più organica sulla malattia di Lyme è disponibile in questo testo che ho scritto alcuni anni fa:

      https://www.academia.edu/43006652/Malattia_di_Lyme?source=swp_share

      Ci tengo a precisare ancora che io non sono un medico, ho studiato questi argomenti perché sono un paziente. Condivido quello che so, ma non ho titoli per dare indicazioni mediche.

      "Mi piace"

Rispondi a Maria Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...