Su questo edificio, che vedo anche ora dalla finestra affianco al letto, seguo ogni giorno l’ombra del mio palazzo che scivola: è una clessidra monumentale, conta le giornate che perdo malamente. I panni stesi sono sporadici in realtà, e aggiungono una nota di colore. Sono evocativi per me, ne feci anche un acquerello quasi 20 anni fa. Sono osservatori attoniti dell’abisso, nel posto sbagliato al momento sbagliato, messi lì per il volere di qualcun altro; vicini eppure soli. Ma basta un po’ di vento perché inizino a danzare e a incontrarsi; e alcuni prendono il volo. Mi sembra una metafora della vita.

pomeriggio.jpg

One thought on “La clessidra

Leave a Reply to Merry Speece Cancel reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s