Cellule NK nella ME/CFS

Una ridotta capacità delle NK di uccidere cellule invase da virus (vedi figura) è stata dimostrata in più studi sulla ME/CFS. In particolare, ben 16 studi hanno dimostrato una ridotta citotossicità delle NK quando le cellule K562 siano usate come bersaglio (IOM, 2015). Uno dei primi studi in merito credo sia quello di Caligiuri e colleghi del 1987  (Caligiuri et al., 1987). In seguito si poté chiarire che questa difettosa citotossicità risulta legata a una ridotta concentrazione intracellulare (nelle NK) di perforina (Maher et al., 2005), l’enzima che tanto le NK che le T CD8+ usano per indurre l’apopotosi delle cellule infette. In studi ancora posteriori è stato accertato sorprendentemente che, a fronte di una concentrazione ridotta di perforina, si ha un aumento della espressione di RNA messaggero relativo a questa molecola, sempre nelle NK (Brenu EW, 2011). E’ come se le NK tentassero di aumentare la concentrazione intracellulare di perforina, senza riuscirci. Ebbene, è stato dimostrata in vitro la capacità dell’Ampligen di migliorare il funzionamento delle NK provenienti da pazienti CFS (Strayer et al., 2015). Sfortunatamente non esistono dati in vivo, tuttavia anche la misura della citotossicità delle NK sembra avere il potenziale di identificare un gruppo di pazienti che potrebbero beneficiare del farmaco. Si consideri inoltre che la citotossicità delle NK è ridotta anche in altre patologie, come il lupus eritematoso sistemico e la sindrome di Sjögren (Struyf NG et al. 1990).

 

cytotoxicitye
Figura 1. Citotossicità delle NK in tre pazienti ME/CFS e in due controlli sani. La citotossicità è calcolata come percentuale di cellule bersaglio che sopravvivono dopo 4 ore di incubazione con concentrazioni crescenti di NK. Grafico di Paolo Maccallini.

 

In Italia la misurazione della “citotossicità spontanea delle NK” (utilizzando cellule K562 come bersaglio) è un esame previsto in molte regioni (se non tutte) e tabulato con codice 90.59.3 e costa una ventina di euro (vedi link per Lombardia). Può essere eseguito presso il Policlinico Umberto Primo di Roma (UOC Immunologia e Immunopatologia). In figura 1 sono riportati i livelli di citotossicità di tre pazienti, confrontati con due controlli sani. La citotossicità è calcolata come percentuale di cellule bersagio uccise e viene riportata per diversi valori del rapporto seguente:

numero di cellule effettrici/numero di cellule bersaglio

NK
Figura 2. Attivazione e funzione citotossica delle cellule NK. Disegno di Paolo Maccallini.

Donazione

Considera una donazione per sostenere questo blog.

€1,00

3 pensieri su “Cellule NK nella ME/CFS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...